Chi siamo

“La vita può essere compresa solo guardando indietro, anche se dev’essere vissuta guardando avanti – ossia verso qualcosa che non esiste”

(Søren Kierkegaard, ripreso da Claudio Magris nel suo “Danubio”)

L’Associazione

“Radici&Futuro” è un’Associazione onlus di volontariato culturale, costituitasi il 16 febbraio 2009 a Trieste per iniziativa di un gruppo di giornalisti, docenti e operatori culturali.

E’ organizzazione estranea ad ogni attività politico-partitica, religiosa e razziale.

Ha come finalità il recupero, dal punto di vista culturale, di eventi e testimonianze del passato, che siano di particolare significato per la comprensione del presente e possano contribuire alla costruzione del futuro.

Impegnata nei settori della cultura e della comunicazione, “Radici&Futuro” punta in particolare:

14

a far conoscere ed avviare una riflessione sulle diverse crisi sociali, ambientali, religiose e belliche vissute dall’umanità, nell’intento di capirne le ragioni e di evitare il ripetersi degli stessi fenomeni

28

a coinvolgere i giovani nel recupero delle radici e nella creazione di una società dell’accoglienza, secondo un’ottica di respiro internazionale

42

ad individuare i segni del tempo, facendone spunto per iniziative che abbiano positive ricadute sullo sviluppo del territorio come la creazione di strutture museali ed espositive di ultima generazione, biblioteche, itinerari della memoria, parchi letterari, percorsi turistici a tema ecc.

57

a sviluppare una rete di collaborazioni, partenariati e gemellaggi, in Italia e all’estero

72

a promuovere convegni, incontri, progetti didattici e formativi, capaci di valorizzare la storia e la cultura di Trieste, del Friuli Venezia Giulia e delle aree limitrofe

86

a favorire lo svolgimento di studi, ricerche, iniziative editoriali e giornalistiche

100

a realizzare progetti speciali, da svolgersi a cadenza periodica, a cominciare da un premio letterario teso a porre in primo piano, tra l’altro, l’importanza della traduzione come mezzo per avvicinare le genti.

Con decreto n. 2651/SV/VOL del 22 agosto 2014 della Regione Friuli Venezia Giulia, l’Associazione è iscritta con il numero 21 nel Registro generale del volontariato organizzato, di cui all’articolo 5 della legge regionale  23/2012.