1918, LA NUOVA EUROPA
Fine e memoria della Grande Guerra

Progetto promosso in occasione del Centenario del primo conflitto mondiale ed inserito dalla Struttura di missione della Presidenza del Consiglio per gli anniversari di interesse nazionale nel Programma ufficiale delle commemorazioni del Centenario.

Trieste – Buie d’Istria
Pola – Graz

Convinta che cultura e scuola debbano essere parte integrante per la costruzione di percorsi di pace,
“Radici&Futuro” ha promosso per l’anno scolastico 2018-19,
con il sostegno della Regione Friuli Venezia Giulia, della Fondazione Casali e del Comune di Trieste,
il progetto educativo e didattico

1918, LA NUOVA EUROPA
Fine e memoria della Grande Guerra

volto ad approfondire in particolare la conoscenza degli eventi relativi all’ultimo anno di ostilità e alle prime fasi del dopoguerra.

Al centro dell’interesse è stata posta una città simbolo della Grande Guerra come Trieste, per la quale l’Italia si impegnò in quel conflitto e che, per la sua posizione nel cuore dell’Europa, è da sempre punto di convergenza dei mondi latino, tedesco e slavo.

In questo progetto “Radici&Futuro” ha avuto come partner il Liceo classico e linguistico “Francesco Petrarca” di Trieste, l’I.S.I.S. “Giosuè Carducci-Dante Alighieri” di Trieste, il Liceo scientifico statale “Guglielmo Oberdan” di Trieste, l’Istituto comprensivo Roiano-Gretta di Trieste, l’Istituto comprensivo “Divisione Julia” di Trieste, il BG/BRG Kirchengasse di Graz (Austria), la Scuola media superiore italiana “Leonardo da Vinci” di Buie (Croazia), la Scuola media superiore italiana “Dante Alighieri” di Pola (Croazia), l’Unione Italiana e ANTEAS Trieste Volontariato.

 

PAGINA IN COSTRUZIONE

Sviluppo del progetto

Il gruppo di lavoro dei giovani

Scuole ed eventi

Incontri romani 2019

I lavori degli studenti

SVILUPPO DEL PROGETTO

Una serie di eventi dedicati all’arrivo dell’Italia a Trieste, giusto cent’anni prima, e alla valorizzazione dei lavori realizzati dai giovani durante precedenti iniziative di “Radici&Futuro”,  hanno fatto da preambolo nell’autunno 2018 all’avvio vero e proprio del progetto “1918, LA NUOVA EUROPA – FINE E MEMORIA DELLA GRANDE GUERRA”, il quinto promosso in occasione del Centenario del primo conflitto mondiale.

Il progetto si è poi aperto ufficialmente a Trieste il 31 ottobre 2018 con la manifestazione “1918-2018. L’Europa di ieri e di oggi tra guerre, memorie e speranze di pace” e si è chiuso il 22 maggio 2019 a Roma, con  l’omaggio al Milite Ignoto, all’Altare della Patria.

Durante l’anno scolastico, gli studenti hanno lavorato su tre filoni di indagine:

LA NUOVA EUROPA, quale viene disegnata con la Conferenza di pace di Parigi e con la dissoluzione dell’Impero austro-ungarico

TRIESTE ITALIANA dove, con la nuova amministrazione, cambiano i nomi delle strade e torna in edicola il quotidiano locale

LA MEMORIA DELLA GRANDE GUERRA, di cui restano tracce nel territorio, nelle menti sconvolte dei reduci e e nei diari di guerra

Ad ogni tema è stata associata la lettura di poesie scritte nel periodo della Grande Guerra da autori come John Mc Crae, Georg Trakl, Umberto Saba, Giulio Camber Barni, Vittorio Locchi, Clemente Rebora e Giuseppe Ungaretti.

Alcune anticipazioni sul progetto sono state fornite il 27 luglio 2018, nel corso delle trasmissioni televisive “Trieste in diretta” (scarica QUI la registrazione) e “Studio Telequattro” (scarica QUI la registrazione) dell’emittente privata triestina Telequattro.

Il logo del progetto è stato disegnato da Laura Bologna del Gruppo di lavoro dei giovani.

Puoi scaricare QUI il progetto

L’arrivo della barca Galiola III a Trieste, con Romano Sauro e gli studenti della Brunner

Una rappresentanza di studenti di ogni scuola ha partecipato tra settembre e ottobre 2018 al progetto “Sauro100”, promosso dall’ammiraglio Romano Sauro in ricordo del nonno, la Medaglia d’oro Nazario Sauro.

I ragazzi sono saliti a bordo della barca a vela “Galiola III”, impegnata in un tour intorno alla Penisola che in due anni ha toccato oltre 100 porti italiani e stranieri. Partendo da Pirano il 19 settembre, hanno navigato nelle acque dell’Alto Adriatico, con scali a Capodistria, San Giorgio di Nogaro, Grado, Monfalcone e Muggia ed arrivo via mare il 6 ottobre a Trieste (scarica QUI il servizio televisivo del TG FVG della RAI).

In ognuna delle scuole aderenti al progetto, Sauro ha tenuto un incontro con i giovani presentando il libro “Nazario Sauro. Storia di un marinaio”, scritto con il figlio.

Puoi scaricare QUI il depliant del progetto “Sauro100”, QUI il calendario degli imbarchi con i resoconti,
QUI il calendario delle conferenze e QUI il video di Graz

Alcuni fumetti e un plastico realizzati da studenti di Trieste e di Pola durante precedenti progetti di “Radici&Futuro”, sono stati esposti dall’11 ottobre al 4 novembre 2018 nell’Atrio della Camera di Commercio di Trieste, nell’ambito della mostra “Memorie della Grande Guerra. Dal Piave a Trieste” allestita dal Comando Militare Esercito del Friuli Venezia Giulia.

La mostra, inaugurata alla presenza del comandante Esercito FVG, generale Bruno Morace, del presidente della Camera di Commercio di Trieste e Gorizia, Antonio Paoletti, e del segretario generale di “Radici&Futuro”, Laura Capuzzo, ha preso spunto dal libro “Non chiamatelo fiume. Dal Grappa al Piave, storia illustrata di un monumento d’Italia”, edito dallo Stato Maggiore dell’Esercito in occasione del Centenario della Grande Guerra.

Puoi scaricare QUI la locandina della mostra, con la rassegna stampa,
e QUI la registrazione del servizio televisivo di Telequattro

Il progetto “1918, LA NUOVA EUROPA. FINE E MEMORIA DELLA GRANDE GUERRA” è stato presentato ufficialmente a Trieste il 31 ottobre 2018, nel corso della manifestazione

“1918-2018. L’EUROPA DI IERI E DI OGGI
TRA GUERRE, MEMORIE E SPERANZE DI PACE”

Durante i lavori, suddivisi tra l’Auditorium del Revoltella e la Sala Costantinides del Museo Sartorio, sono state ricostruite le vicende storiche relative alla conclusione della Grande Guerra, avvenuta esattamente un secolo prima e che aveva sconvolto l’assetto geo-politico del continente europeo. Sono stati proposti ai giovani anche alcuni raffronti con l’attuale realtà europea, una lettura scenica e la presentazione del Calendario 2019 “Schizzi sulla Grande Guerra”.

A margine della manifestazione, sono state effettuate alcune visite guidate al Museo della guerra per la pace “Diego De Henriquez” e al Museo di arte moderna “Pasquale Revoltella”.

L’evento e il progetto sono stati presentati il 6 novembre 2018 durante il programma radiofonico “Sconfinamenti” della RAI (scarica QUI la registrazione)

Puoi scaricare QUI il programma della manifestazione
e QUI la rassegna stampa

IL GRUPPO DI LAVORO DEI GIOVANI

Da sinistra, Stradella, Vuch, Bologna, Capuzzo

Una decina di giovani hanno fatto parte del Gruppo di lavoro attivo nell’ambito del progetto “1918, LA NUOVA EUROPA. FINE  E MEMORIA DELLA GRANDE GUERRA”.

In maggioranza si tratta di ragazzi che hanno partecipato ai precedenti progetti di “Radici&Futuro”, cui si è aggiunto qualche nuovo ingresso.

I giovani componenti del Gruppo di lavoro, che è stato costituito il 15 settembre 2018, sono stati impegnati, in base alle loro competenze, in diversi tipi di attività, che hanno svolto sia a titolo individuale che affiancando gli studenti delle scuole, secondo un principio di metodologia partecipativa.

Puoi scaricare QUI l’elenco completo

Tra gli interventi svolti a titolo individuale, particolare rilievo ha la scrittura del racconto breve “Vivo a metà” di Francesco Stradella, con la copertina illustrata di Laura Bologna, che ha anche collaborato con Francesco Zardini nella realizzazione del fumetto “Tre Novembre” sull’arrivo dell’Italia a Trieste.

Puoi scaricare QUI il racconto, con la relativa copertina,
e QUI il fumetto

I disegni realizzati dagli studenti di Trieste, Buie e Graz che durante il precedente progetto di “Radici&Futuro” sulla Grande Guerra hanno partecipato al workshop di grafica, sono stati raccolti nel Calendario 2019 “Schizzi sulla Grande Guerra”, curato da Laura Capuzzo ed edito da Bora.La.

Schizzi di sangue hanno inesorabilmente macchiato tutto il periodo di svolgimento della Grande Guerra, dal 1914 al ’18. Schizzi disegnati oggi, ad un secolo di distanza da quell’evento, da un gruppo di ragazzi ricordano alcuni momenti di quel conflitto, con l’auspicio che alla fine chi scorre le pagine di questo calendario sappia trarre una lezione dal passato e sia in grado di guardare al presente in maniera più consapevole.

Il calendario, alla cui realizzazione hanno contribuito anche alcuni giovani del Gruppo di lavoro, è stato dato in omaggio a tutte le scuole e ai collaboratori del progetto, oltre che al Presidente della Repubblica e alle autorità locali.

Puoi scaricare QUI il calendario

L’inaugurazione della mostra in Camera di Commercio, a Trieste

Nove storie a fumetto ed un plastico, realizzati da giovani di Trieste, Buie e Pola: è quanto ha proposto la mostra

SUGGESTIONI TRIESTINE – I giovani raccontano la Grande Guerra

allestita a Trieste, nell’Atrio della Camera di Commercio, dal 4 al 20 dicembre 2018.

La mostra, destinata ad essere itinerante, ha presentato in una nuova edizione, più ampia ed aggiornata rispetto alla versione che aveva girato per le scuole triestine ed estere tra il 2015 e il 2018, fumetti non solo in italiano, ma significativamente (visto che si parla di Grande Guerra) anche in  lingua tedesca, grazie al lavoro di traduzione curato dagli studenti austriaci della Karl Franzens-Universität di Graz (scarica QUI il video).

La prima parte della mostra sembra il racconto di un sogno, in cui un ragazzo d’oggi e un suo coetaneo di cent’anni fa si incontrano ed insieme rivivono tre momenti cruciali di quel periodo, legati alla storia di Trieste e dintorni.

La seconda parte è invece dedicata al ricordo dei soldati del Litorale mandati a combattere in Galizia (scarica QUI la presentazione degli studenti di Buie) e di importanti personalità dell’epoca, come il barone Goffredo de Banfield, le Medaglie d’oro Guido Brunner e Nazario Sauro ed i piloti Maurizio Pagliano e Luigi Gori (scarica QUI la presentazione degli studenti di Pola). Il plastico, inoltre, ricostruisce la trincea sul monte Fior, dove morì Guido Brunner.

La mostra è stata presentata il 30 novembre 2018 nel corso della trasmissione radiofonica “Sconfinamenti“ della RAI (scarica QUI la registrazione).

Puoi scaricare QUI la locandina e QUI la rassegna stampa

In concomitanza con l’allestimento della mostra di fumetti nell’Atrio della Camera di Commercio di Trieste ed in abbinamento ad essa, si è svolto nella Sala Bazlen di Palazzo Gopcevich il secondo ciclo di incontri organizzato in collaborazione con ANTEAS Trieste Volontariato e con il sostegno del Comune di Trieste, dal titolo

SUGGESTIONI TRIESTINE – I giovani raccontano la Grande Guerra.

Riprendendo la consuetudine avviata nel 2017, sono stati i giovani ad illustrare ai meno giovani, soci dell’ANTEAS, momenti e vicende relative al primo conflitto mondiale, attivando così un’occasione di dialogo intergenerazionale.

Nel corso di cinque appuntamenti, compresi tra il 13 e il 20 dicembre 2018, sono stati presentati i disegni ed i fumetti realizzati dagli studenti e dai giovani del Gruppo di lavoro e si è parlato, tra l’altro, di Assi dell’aviazione, dell’affondamento della Wien, dei prigionieri italiani in Russia e del volo su Vienna.

Puoi scaricare QUI la locandina e QUI la rassegna stampa

SCUOLE ED EVENTI

Otto istituti, tutti con ruolo di partner, hanno partecipato nell’anno scolastico 2018-19 al progetto “1918, LA NUOVA EUROPA – FINE  E MEMORIA DELLA GRANDE GUERRA”.

Cinque sono scuole di Trieste: tre medie superiori e due inferiori. Due sono scuole superiori  italiane in Croazia ed uno un liceo austriaco in cui si insegna la lingua italiana.

Complessivamente sono stati coinvolti nel progetto più di 250 giovani e una ventina di docenti italiani e stranieri.

Puoi scaricare QUI l’elenco degli studenti e dei docenti

Tra novembre 2018 e marzo 2019 una classe del liceo linguistico “Francesco Petrarca” di Trieste è stata coinvolta in un programma di Alternanza Scuola Lavoro, che l’ha impegnata nell’esame e nella trascrizione digitale di tre diari inediti di soldati della Grande Guerra (Umberto Ademollo, Giorgio Nicolich e Andrea Vesnaver), messi a disposizione dai nipoti.

A giovani del nuovo millennio si è offerta così la possibilità di scoprire da fonti primarie che cosa avesse significato la guerra per giovani loro coetanei, o quasi, di un secolo prima. Nel contempo si  è dato loro modo di approfondire la conoscenza del conflitto e delle tecniche archivistiche e paleografiche attraverso visite guidate al Museo della Guerra per la Pace “Diego De Henriquez” e all’Archivio di Stato cittadino, l’incontro con Nicola Maranesi, esperto dell’Archivio diaristico nazionale di Pieve Santo Stefano (Arezzo), proiezione di video sul tema e confronti diretti con i nipoti, proprietari dei diari.

L’esperienza, coordinata in veste di tutor da Evelina Batagelj, ha permesso anche agli studenti di sviluppare le loro competenze informatiche, poiché i documenti dovevano essere digitalizzati e sintetizzati in una presentazione multimediale, per renderli disponibili ad un pubblico più vasto.

Puoi scaricare QUI la presentazione

MONFALCONE, davanti al monumento a Enrico Toti

Il 19 marzo 2019 si è tenuta a Trieste, nell’Aula Magna del Liceo Petrarca, la manifestazione

“LA MEMORIA DELLA GRANDE GUERRA”

durante la quale studenti di Trieste e di Pola hanno avuto occasione di conoscersi e di presentare pubblicamente i loro elaborati.

I temi da loro affrontati sono stati ulteriormente approfonditi nel corso dell’escursione didattica svoltasi il 20 marzo al Parco tematico della Grande Guerra di Monfalcone, oltre che al Sacrario e al Cimitero austro-ungarico di Redipuglia.

Dell’intero progetto e dell’evento si è parlato il 29 marzo 2019 e il 26 maggio 2019 durante la trasmissione radiofonica “Sconfinamenti” della RAI (Scarica QUI la registrazione del 29/03/2019 e QUI la registrazione del 26/05/2019).

Puoi scaricare QUI il programma della manifestazione e dell’escursione
e QUI la rassegna stampa

GORIZIA, studenti italiani, austriaci e croati in piazza della Vittoria

Il 16 aprile 2019 si è tenuta a Trieste, nell’Aula Magna del Liceo Dante, la manifestazione

“LA FINE DELLA GRANDE GUERRA, TRIESTE ITALIANA”

durante la quale studenti di Trieste, Buie e Graz hanno avuto occasione di conoscersi e di presentare pubblicamente i loro elaborati.

I temi da loro affrontati sono stati ulteriormente approfonditi nel corso delle escursioni didattiche svoltesi il 17 aprile e il 3 maggio a Gorizia, alla scoperta di un’altra citta che, prima asburgica, poi italiana, poi tagliata in due dalla “cortina di ferro” ed infine riunita virtualmente dall’Europa, è stata anch’essa tormentata dalla storia. Altre escursioni hanno avuto luogo il 4 aprile a Padova, con visite al Museo storico della Terza Armata e al Museo del volo nel Castello di San Pelagio, da cui D’Annunzio partì per il volo su Vienna, e il 10 aprile a Rovereto, con visite al Museo storico italiano della guerra e alla Campana dei caduti.

Dell’evento si è parlato il 16 aprile 2019 durante la trasmissione radiofonica “Sconfinamenti” della RAI (Scarica QUI la registrazione).

Puoi scaricare QUI il programma della manifestazione e delle escursioni
e QUI il comunicato stampa

INCONTRI ROMANI 2019

ROMA, con Romano Sauro all’ingresso del Quirinale

Delegazioni delle varie scuole coinvolte nel progetto, hanno partecipato dal 21 al 23 maggio 2019 al viaggio a Roma, organizzato a conclusione del progetto e del Centenario della prima guerra mondiale per riunire i ragazzi in sedi simbolo a livello istituzionale, dove farli riflettere sul senso di quanto accaduto un secolo fa.

Pertanto una visita si è svolta, in compagnia dell’ammiraglio Romano Sauro, nipote della Medaglia d’oro Nazario Sauro, al Palazzo del Quirinale, che fu residenza del re d’Italia Vittorio Emanuele III, arrivato a Trieste nel 1918 con il cacciatorpediniere Audace, e un’altra al Museo Centrale del Risorgimento e all’Altare della Patria, dove – con la lettura della poesia di Giuseppe Ungaretti “San Martino del Carso” – è stato reso omaggio alla salma del Milite Ignoto, che fu traslata da Aquileia.

Il programma romano si è concluso negli studi di Cinecittà, dove è conservato il patrimonio audiovisivo dell’Archivio Luce e si è ripercorsa la storia della cinematografia italiana.

A tutte le scuole sono stati consegnati gli Attestati di partecipazione.

Del viaggio si è parlato il 30 maggio 2019 nel corso della trasmissione radiofonica “Sconfinamenti” della RAI (Scarica QUI la registrazione)

Puoi scaricare QUI il programma di Roma e l’elenco dei partecipanti

I LAVORI DEGLI STUDENTI

Scuola media superiore italiana
“Leonardo da Vinci” di Buie, CROAZIA

gruppo di interesse delle classi III liceo e
III perito informatico

docente Erika ŠPORČIĆ CALABRÒ
_____________________________________

Anno scolastico 2018-19

Puoi scaricare QUI l’elaboratovedere QUI il video

Bundesgymnasium und Bundesrealgymnasium
Kirchengasse di Graz, AUSTRIA

gruppo di interesse delle classi 6A, 6B, 5B e 8B

docente Giulia NOSARI
_____________________________________

Anno scolastico 2018-19

Puoi scaricare QUI il primo video,
QUI il secondo video e QUI l’elaborato

Scuola secondaria di primo grado
“Divisione Julia” di Trieste

classi 3A, 3B, 3D, 3E e 3G

docenti Manuela SICHICH, Paola GESSI,
Alessandra FAZZINI-GIORGI,
Sandra DI DOMENICO e Rossano PUGGIONI
_____________________________________

Anno scolastico 2018-19

Puoi vedere QUI il video della 3A,
QUI quello della 3B, QUI quello della 3D,
QUI quello della 3E e QUI quello della 3G

Scuola secondaria di primo grado
“Guido Brunner” di Trieste

classi 3A e 3B

docenti Maria Grazia GREBLO e Cristiana RADIVO
_____________________________________

Anno scolastico 2018-19

Puoi scaricare QUI il video della 3A
e QUI l’elaborato della 3B

Liceo scientifico statale
“Guglielmo Oberdan” di Trieste

classe 4B

docenti Silvia SPREAFICO e Milena BODIGOI
_____________________________________

Anno scolastico 2018-19

Puoi scaricare QUI l’elaborato

Scuola media superiore italiana
“Dante Alighieri” di Pola, CROAZIA

gruppo di interesse della classe II liceo generale

docente Marta MANZIN
_____________________________________

Anno scolastico 2018-19

Puoi scaricare QUI l’elaborato e QUI il video

I.S.I.S. “Giosuè Carducci-Dante Alighieri”
di Trieste

classe 5delta Scienze umane

docenti Daniela PICAMUS, Luisa LOZAR,
e Sergio CAMPOCHIARO
_____________________________________

Anno scolastico 2018-19

Puoi scaricare QUI il video

Liceo classico e linguistico
“Francesco Petrarca” di Trieste

classi 3L, 5E e 5F

docenti Marco FAVENTO, Gilberto CANTERI
e Anna ZEMBRINO
_____________________________________

Anno scolastico 2018-19

Puoi scaricare QUI l’elaborato della 5E e QUI quello della 5F